Scopri 5 Falsi Miti sulla Scrittura che ti Stanno Bloccando

scrittura creativa Oct 24, 2019

La scrittura è un ambito del sapere come tanti altri ed è quindi normale che sia pieno di stupidaggini e di Falsi Miti diffusi da chi non la conosce davvero. I Falsi Miti sono una piaga che affligge tutti i campi del sapere e li lascia spaesati a chiedersi cosa abbiano in testa certe persone.

  • La medicina osserva a bocca aperta i NoVax.
  • La geologia e la fisica si rimbalzano a vicenda i Terrapiattisti.
  • L’astronautica guarda oltre il cielo per non vedere chi nega che l’uomo sia stato sulla Luna.
  • Il calcolo delle probabilità si batte la fronte disperato davanti a chi pensa che i numeri “ritardatari” del Lotto abbiano più possibilità di uscire.

E tante altre belle opinioni che piacciono a chi preferisce i “secondo me” alla conoscenza…

Se vuoi davvero scrivere in modo competente, e non diventare l’ennesimo scrittorucolo che getta vergogna su di sé e raccoglie complimenti (forzati) solo dagli amici (ancora per poco), è il momento di smettere di essere il Terrapiattista del settore: l’insegnamento della scrittura creativa non è tutto un complotto di chi vende corsi e, mi spiace svelartelo, ma Aristotele non veniva pagato da Soros…

Pronto? Partiamo!

Primo Mito: “Ci vuole Talento!”

Il talento è un concetto ambiguo, ma stringendo molto possiamo dire che non esiste qualcosa come il talento innato. La scrittura non è un'informazione contenuta nel DNA e non arriva dai nostri antenati, quindi è qualcosa di "appreso".

Il talento, in senso comune, è più che altro abilità costruita con lo studio e l'impegno. Tante persone talentuose, portate per una certa attività, sono semplicemente un po' più competenti perché per motivi totalmente casuali negli anni precedenti si sono dedicati a fare quella cosa o cose affini. Così sono i ragazzini portati per il disegno, perché le lodi da bambini li stimolavano a impegnarsi di più. Così è per gli scrittori.

Perfino il piccolo Mozart, di solito chiamato in causa quando si parla di talenti "innati", divenne tanto bravo perché il padre Leopold lo obbligava a ritmi di studio della musica massacranti fin da quando aveva pochi anni. Un approccio rigidissimo, brutale, che oggi definiremmo una vera e propria violenza su minore...

Il talento è solo addestramento. Anche il fantomatico "orecchio assoluto", quello di Mozart e di circa metà dei più grandi musicisti di sempre, e che statisticamente è posseduto solo da 1 individuo su 10.000, è stato dimostrato dagli scienziati essere solo un'abilità addestrabile (seppure da coltivare in giovane età).

Nel 2014, in uno studio per la scuola di musica Ichionkai di Tokyo, la psicologa giapponese Ayako Sakakibara ha reclutato ventiquattro bambini tra i due e i sei anni e li ha sottoposti a mesi di addestramento per insegnare loro a identificare gli accordi suonati al pianoforte. I bambini venivano sottoposti a esercizi di pochi minuti durante la giornata, diverse volte al giorno, e nel giro di pochi mesi tutti i ventiquattro bambini avevano sviluppato l'orecchio assoluto. Non 1 su 10.000: 24 su 24.

Non è "vero talento" innato, nemmeno quello, nemmeno l'ultimo baluardo rimasto fino al 2014 tra gli ipotetici talenti innati. Non esistono talenti innati, è stato provato dalle ricerche più recenti.

Il talento è solo addestramento. Se pensi di non avere talento per la scrittura è solo perché non hai mai fatto un corso SERIO che ti insegni un passo alla volta quali sono i principi della scrittura, come ragionare le scene e come renderle dettagliate ed emozionanti.

Secondo Mito: “Se seguiamo tutti le stesse regole scriveremo tutti uguale!”

Ragioniamoci un attimo.

  • Un pianoforte ha solo un numero limitato di tasti, eppure è possibile produrre musiche incredibilmente diverse. Davvero pensi che le musiche di Mozart e di Beethoven siano identiche, seriamente?
  • L'alfabeto è composto da poche lettere, eppure non produciamo solo poche parole possibili. Ti sembra che "frullatore" e "polisemico" indichino la stessa cosa?
  • Le auto hanno quattro ruote e seguono le leggi della termodinamica, eppure una Panda scassata e una Ferrari da Formula 1 non sembrano identiche, nemmeno quando sono entrambe rosse.

Non confondere l'avere dei principi da seguire con il fare tutti la stessa cosa.

Le regole riguardano solo il "come", ovvero il modo in cui realizzerai nel modo più efficace possibile ciò che tu vorrai realizzare. Conoscere la scrittura ti permetterà di togliere gli errori e far splendere il tuo vero stile personale, fatto delle tue idee espresse secondo la tua sensibilità unica e irripetibile.

Lo stile non è fatto dallo sbagliare gli avverbi in "–mente" come non è fatto dall'usare dialogue tag grotteschi. Non è fatto dal confondere le virgole con i punti. Lo stile non è sbagliare i congiuntivi. Non è scrivere scene piatte e prive di conflitto. Lo stile non sono gli errori!

Terzo Mito: “Studiare la struttura delle storie non serve, è roba solo per i film!”

Siamo proprio sicuri? In realtà il modello usato nei migliori film viene dal teatro, e viene chiamato “modello aristotelico” perché le sue radici affondano nelle tragedie greche e nella Poetica di Aristotele. È il modello adottato da Shakespeare nelle sue opere migliori.

Tra le opere teatrali più famose studiate da romanzieri e sceneggiatori c’è il Macbeth di Shakespeare, per esempio. Per molti è la tragedia per antonomasia. I film più toccanti, come Gente Comune, sono realizzati facendo uso delle più raffinate sfumature del modello aristotelico…

… ma lo stesso vale per alcuni dei film d’azione più celebri, come il primo Rambo, o dei film d’animazione più amati dal pubblico, come Ralph Spaccatutto. Perfino gli episodi più amati delle prime due stagioni di Black Mirror, come Vota Waldo!, nascondono un uso estremamente raffinato delle sfumature del modello aristotelico. Sfumature che insegno nel mio corso facendo uso di esempi eccellenti come la prima stagione di Gomorra.

Chi scrive romanzi, proprio per la minore appetibilità e immediatezza rispetto alle serie televisive, dovrebbe ancora più di tutti gli altri autori voler fare un lavoro strutturale eccellente.

Quarto Mito: “Diventare un bravo scrittore richiede molti anni di fatica!”

No. Andare a caso fino a quando non si ottiene, per pura fortuna e dopo valanghe di rifiuti, di imparare a scrivere in modo decente, può richiedere anni. O più spesso non avvenire mai.

Chi studia con il mio metodo impara in pochi mesi, se lo vuole. Ho formato autori che hanno stravolto in poche settimane la loro piatta scrittura piena degli errori che fanno tutti e l’hanno trasformata nel loro stile autentico, evocativo ed emozionante.

Non basta leggere “buoni libri” per imparare a scrivere, come non basta guardare i fori nel bersaglio al poligono per imparare a sparare col fucile. Il testo scritto e i buchi di proiettile sono il risultato che nasce da idee e pratiche che non si possono cogliere senza conoscerle già.

E poi come fai a sapere quali testi sono “buoni” se non conosci le regole per discriminare i tuoi gusti personali dalla reale efficacia? Abbiamo tutti gusti di merda su qualcosa e non c’è niente da vergognarci… ma c’è da vergognarsi nel farsi guidare da quei gusti e scambiarli per oggettività.

E le grandi idee? Non basta solo la “tecnica” di scrittura per fare un bel romanzo. Nessun problema: io insegno anche a realizzare l’approccio metodico e l’elasticità mentale per scoprire le grandi idee nascoste dentro di noi. Gli autentici ragionamenti sul senso della vicenda che hanno guidato i grandi drammaturghi e romanzieri, proprio come loro li hanno imparati dai loro maestri, io posso insegnarli a te.

I meccanismi e i ragionamenti che portano al risultato del romanzo emozionante ed evocativo sono nascosti, avvengono nella mente dell’autore. Lì succede la magia della scrittura: 99% nascosto, 1% sul foglio. Io insegno l’approccio mentale e i ragionamenti per realizzare la propria magia.

Quinto Mito: “Scrivere richiede ispirazione e lunghe sessioni in totale isolamento!”

L’ispirazione è sopravvalutata ed è tutt’altro che casuale: ci sono metodi per favorire la creatività e permettere al nostro cervello “inconscio” di lanciarci idee fantastiche da scrivere. L’ispirazione è qualcosa che possiamo addestrare fornendo al nostro cervello adeguati stimoli creativi e un buon programma di lavoro.

Non hai bisogno di chiuderti in un albergo isolato dal mondo, a fare il custode per tutto l’inverno, per poter scrivere il tuo romanzo: non ha funzionato nemmeno per Jack Torrance di Shining. Quello che ti serve è un solido approccio di organizzazione del lavoro e di pratiche automotivazionali che io posso insegnarti.

Con il mio Metodo delle Otto Settimane, se lo applicherai integralmente, sarai in grado di scoprire quanto può essere abbondante la scrittura che si può realizzare ogni settimana usando le poche ore disponibili che abbiamo. Il tempo è “poco”, ma è anche “tanto”… se sai come usarlo.

Con un pizzico di disciplina condito da un po’ di intelligenza e da un'infarinatura di psicologia, imparerai a scrivere bene, con regolarità e con molta più gioia di prima. La conoscenza di come si fanno le cose batte l’isolamento in un albergo infestato dagli spiriti, te lo garantisco! ;-)

Tutto chiaro?

Non mischiarti con i gonzi che riducono ogni questione seria a opinioni farcite di Falsi Miti: è il momento di lasciarli da soli a giocare nel fango e iniziare a studiare sul serio con il mio Corso Base di Scrittura e Sceneggiatura!

Le 29 lezioni sono disponibili online gratis perché sono una brava persona e ritengo che un livello minimo di istruzione debba essere garantito a tutti e, noblesse oblige, è mio compito occuparmi di questo fardello dato che possiedo il miglior corso di scrittura creativa in Italia

… ma al mio Corso Avanzato, a pagamento, ci arriverai col tempo, quando sarai pronto a fare il grande passo verso la conoscenza. Intanto imparerai col Corso Base molto più di quanto tu possa aver mai raschiato da qualsiasi altro corso di scrittura creativa precedente.

Concetti veri, corretti, spendibili davvero, non la fuffa che insegnano altrove e so di cosa parlo: molti dei miei clienti prima di arrivare a me hanno studiato con i “migliori” del settore (scrittori famosi, direttori di collana, editor e rinomate scuole) e anche io mi sono beccato la mia dose di cialtroni prima di iniziare a capire “dove” studiare (niente di segreto o esoterico, trovi tutto nei miei corsi).

“Migliori” del settore, proprio. Che amarezza. Con loro non è nemmeno concorrenza, anzi: i loro corsisti se vogliono imparare davvero alla fine diventano i miei corsisti. Invece i miei corsisti, anche quelli che hanno iniziato solo con me, dopo non hanno più bisogno di fare i corsi di altri.

Questa non è “arroganza”, è l’amara verità di chi ha avuto ZERO richieste di rimborso con i primi 150 clienti, fino al punto di eliminare direttamente la garanzia perché tanto non serve e così posso selezionare a priori chi è davvero motivato a impegnarsi.

Gli autori che hanno studiato seguendo il mio approccio alla scrittura hanno pubblicato con grandi e piccoli editori come Giunti, Sperling & Kupfer, Delos, Moscabianca, Silele, Acheron Books e altri ancora. Non sono rimasti eterni inediti e non sono divenuti autopubblicati per disperazione (invece che per scelta, opzione a mio avviso altrimenti validissima).

Quando sai scrivere bene lo capiscono subito a pelle, leggendoti, anche gli editor delle case editrici: recentemente due autori formati da me hanno candidato un loro racconto per un’antologia in una casa editrice che stimo e l’editor responsabile NON HA CORRETTO nemmeno una parola. Non posso dire lo stesso, per usare un eufemismo, dei racconti degli autori che non hanno studiato da me.

Il mio corso è stato lodato dal più importante editore italiano specializzato nella formazione di scrittori e sceneggiatori, Dino Audino Editore, al cui corso Script/RAI degli anni 1990 si sono formati gli sceneggiatori di Gomorra.

Insomma, capiamo l’antifona e… buono studio!

-- Il Duca.

 

P.S. Iscriviti alla mailing list qui sotto e imparerai molte cosette in più sulla scrittura che ti libereranno di tanti altri Falsi Miti che ti stanno bloccando adesso.

Vuoi più lezioni in omaggio?

Iscriviti (gratis) per ricevere in omaggio due videolezioni tratte del Corso Avanzato. Ogni settimana riceverai una lezione aggiuntiva di scrittura e sceneggiatura per espandere il Corso Base. Attenzione: dovrai confermare via mail l'iscrizione!

Non riceverai spam. Potrai cancellare la tua iscrizione in qualsiasi momento. Puoi consultare qui l'informativa completa sulla privacy.

Close

50% Complete

Two Step

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.