Come spiegato nel precedente post, con l’apertura di Vaporteppa finalmente ho la possibilità di dare rapidamente uno sbocco di pubblicazione ai clienti migliori e anche di regalare il corso a chi propone i testi più interessanti, ma allo stesso tempo ho molto meno tempo per occuparmi di autori che di sicuro non produrranno opere per Vaporteppa. Se aggiungiamo che in rapporto all’insegnamento fornito il prezzo che facevo (100 euro per 150-200 euro di servizi erogati) era ridicolo, ho deciso di terminare l’erogazione del “bonus” d’acquisto per il corso base durato per oltre un anno e di portare il prezzo a 150 euro per 8 ore.

ATTENZIONE:
Causa impegni di lavoro per la collana editoriale Vaporteppa e la formazione gratuita di autori promettenti per farne i suoi futuri autori, i corsi a pagamento sono sospesi almeno fino a settembre 2014. E il prezzo ritorna a 100 euro: ho deciso di rinnovare radicalmente il corso in modo che bastino 5-6 ore di lavoro per farlo tutto, portando in forma scritta alcune spiegazioni che prima davo dal vivo (tanto ormai ho visto, dopo due anni, cosa i clienti abitualmente chiedevano) e risparmiando così circa 3 ore. Approfitterò della pausa per realizzare l’estensione del corso ora mancante, così il prezzo potrà rimanere basso come prima! In realtà anche in queste 4 settimane di prezzo aumentato, non ho mai applicato la tariffa perché non mi piaceva chiedere così tanto…

Un corso privato che, come disse un amico editore, sarebbe stato onesto, e in linea con i prezzi di mercato, mettere a 500 o 1000 euro. Dissento: può valere anche 2000 euro, come “valore” in termini di vantaggi concreti per un autore, ma se penso alle ore necessarie (circa 8) per svolgerlo credo che non debba superare i 300 euro e comunque non intendo farlo pagare più di 150 euro.

Per capire quanto erano bassi i miei prezzi, basti pensare che per la lettura di un romanzo di 90mila parole per un vecchio cliente e la stesura di una scheda di alcune pagine, chiesi solo 100 euro: un tipica agenzia letteraria che dichiara esplicitamente di NON RAPPRESENTARE i testi di cui effettua scheda (ma anche se non lo dichiara, è noto che quasi tutte si occupino solo di autori già pubblicati), e in cui il lavoro è delegato a uno stagista qualsiasi privo di reali competenze, chiede tipicamente 400 euro; un caro amico, molto più abile degli stagisti  d’agenzia (di cui ho visto più volte le raccapriccianti schede pagate così care), chiede 2 euro ogni 1000 parole (180 euro per quel romanzo di 90mila parole).

Chi ha ragione, io coi 100 euro o lui con i 180 euro? Ovviamente lui: il tempo richiesto per una scheda approfondita e intelligente di un romanzo richiede, se svolto bene, almeno 2 euro ogni 1000 parole (circa 0,70 euro a cartella, che secondo me è onesto portare anche a 1 euro a cartella, contro i 6 euro per il Line Editing approfondito). Mi vergognavo un po’ a chiedere così poco, dando idee sbagliate sul giusto prezzo per svolgere anche solo la scheda di un romanzo.
Una cosa è fare un prezzo basso, un’altra è farlo ridicolo.

ATTENZIONE:
(bis, in caso abbiate perso il primo)

Causa impegni di lavoro per la collana editoriale Vaporteppa e la formazione gratuita di autori promettenti per farne i suoi futuri autori, i corsi a pagamento sono sospesi almeno fino a settembre 2014. E il prezzo ritorna a 100 euro: ho deciso di rinnovare radicalmente il corso in modo che bastino 5-6 ore di lavoro per farlo tutto, portando in forma scritta alcune spiegazioni che prima davo dal vivo (tanto ormai ho visto, dopo due anni, cosa i clienti abitualmente chiedevano) e risparmiando così circa 3 ore. Approfitterò della pausa per realizzare l’estensione del corso ora mancante, così il prezzo potrà rimanere basso come prima! In realtà anche in queste 4 settimane di prezzo aumentato, non ho mai applicato la tariffa perché non mi piaceva chiedere così tanto…